venerdì 24 marzo 2017

Whistleblower = IO Denuncio

 
In effetti la traduzione esatta della parola whistleblower è (whistle = fischietto - blower = soffiatore) "soffiatore di fischietto" ossia "informatore" (approfondisci).

E un informatore è una persona che fornisce informazioni su qualcuno o qualche cosa ad un'altra entità, persona o istituzione. 

Spesso si tratta di informazioni che rigurdano fatti negativi e moralmente sbagliati: abusi,  comportamenti illeciti, prepotenze ed anche reati veri e propri e in questi casi chi viene informato sono generalmente le Forze dell'Ordine e la Magistratura. 

In questi specifici casi la parola whistleblower/ informatore viene tradotta con parole più crude e gergali e può assumere accenti offensivi e sprezzanti: confidente, delatore, gola profonda, infiltrato, traditore, venduto, insomma SPIA.

E si sa: 

"Chi fa la spia non è figlio di Maria non è figlio di Gesù quando muore va laggiù"

E quindi, anche pensando di essere corretti, si assumono atteggiamenti omertosi:

"Nun sacciu, nun vidi, nun ceru (e si ceru durmiv)"

Ci comportiamo come gli struzzi, che mettono la testa sotto terra 


o come le famose tre scimmiette (la quarta sta dormendo)

E così di fatto diamo una mano ai prepotenti, a chi commette abusi ed angherie di tutti i tipi, dalle più lievi che possono passare per cose private, fatti che non ci riguardano, alle più importanti e pericolose che determinano conseguenze anche gravi, che penalizzano soprattutto i più deboli, ma spesso l'intera società.

I prepotenti, gli scorretti, i disonesti fino ai veri criminali e le loro organizzazioni hanno fatto un buon lavoro: hanno fatto diventare il corretto e coraggioso comportamento civico di contrastare e di denunciare le illegalità, piccole e grandi, un atto negativo ed infamante per chi lo esercita.

Senza volerlo e senza accorgercene diventiamo piano piano complici e conniventi dei tanti atti scorretti di cui veniamo a conoscenza e finiamo inconsciamente per alimentare situazioni ambigue, poco chiare, dove il confine tra lecito ed illecito diventa labile, impalpabile, poco riconoscibile.

E questa area di ambiguità diventa il brodo di cultura di una mentalità sbagliata ed arriva nel tempo a creare situazioni come quella nostra, romana e nazionale, dove la corruzione dilaga ovunque.

La colpa è sempre degli altri: dei disonesti, ma anche della Pubblica Amministrazione, dei politici e noi non centriamo niente: "cosa posso fare io povero cittadino?"  E poi "fanno tutti così".

La risposta c'è: il povero cittadino, con tutti gli altri poveri cittadini può fare TUTTO. 

Anche se non sembra, anche se ci si sente impotenti, TUTTO dipende da NOI cittadini: se mettessimo in atto atteggiamenti civici corretti, se in tutte le nostre scelte cercassimo di capire cosa è bene e cosa è male, se abbandonassimo l'atteggiamento omertoso che di fatto quasi tutti mettiamo in pratica la situazione cambierebbe, ed anche più velocemente di quanto possiamo pensare. 

Noi siamo abituati a leggere sui giornali delle grandi truffe, dei grandi scandali che spesso coinvolgono non solo la criminalità organizzata ma funzionari "integerrimi" della P. A. centrale e locale e politici anche di livello importante e finiamo per convincerci che loro sono il male. 

Noi paghiamo le tasse a livelli insopportabili e loro gozzovigliano con i nostri soldi.
Sicuramente è vero ma è anche vero che milioni di cittadini che tutti i giorni commettono piccoli e piccolissimi abbusi sono come una imvasione di cavallette e nel complesso fanno più danni
Lo ripetiamo NOI CITTADINI possiamo cambiare le cose se lo vagliamo: sicuramente costa in termini di impegno ma è l'unica strada per avere risultati concreti in tempi accettabili
Perchè dobbiamo aspettare che qualcuno ci metta in riga, che ci obblighi ad avere atteggiamenti congrui per paura delle possibili conseguenze.
Noi possiamo e dobbiamo recuperare la dignità di chiamarci cittadini comportandoci in modo civile ed avendo l'orgoglio ed il coraggio di farlo e di contrastare chi si comporta male. 

 

   






















Nessun commento:

Posta un commento